Dipartimento di Ingegneria Elettrica

Contenuti del sito

Menu di navigazione - Torna all'inizio


Contenuto della pagina - Torna all'inizio


Laurea Triennale in Biotecnologie 2015-2016 Corsi D-Z


DIRITTO COMMERCIALE E DIRITTO DELL'UNIONE EUROPEA - CORSO A e B


6 CFU - cod. 500796 - I anno - I sem.
Anna Rosa Cosi (modulo Diritto Commerciale, 3 CFU - modulo Diritto dell'Unione Europea, 3 CFU)
Dipartimento di Biologia e Biotecnologie "Lazzaro Spallanzani"
annarosa.cosi@unipv.it

Modulo Diritto Commerciale. Il modulo si propone di fornire allo studente nozioni di base in materia di diritto pubblico e commerciale al fine di comprendere come funziona il sistema legislativo italiano. Verranno inoltre analizzate le principali modalità di tutela della proprietà industriale. Contenuti: L'ordinamento italiano e le sue istituzioni. La funzione legislativa. La tutela della proprietà industriale. Casi in tema di regolamentazione delle biotecnologie.
Modulo Diritto dell’Unione Europea. Il modulo è inteso a presentare allo studente il sistema dell’Unione europea, sia dal punto di vista delle istituzioni comunitarie e dei loro meccanismi normativi, che delle principali politiche dell-Unione europea. L’obiettivo finale è di fornire allo studente gli strumenti necessari per comprendere le implicazioni della partecipazione dell’Italia all’Unione europea e per indagare le prospettive di sviluppo dell’Unione medesima. Contenuti: L'Unione europea e le sue istituzioni. Il Mercato Unico e il diritto della concorrenza. Le Direttive UE in tema di biotecnologie.


ELEMENTI DI FARMACOTERAPIA


6 CFU - cod. 502022 - III anno - II sem.
Mayra Paolillo (modulo Anticorpi Monoclonali, 3 CFU), Marialaura Amadio (modulo Nuovi Farmaci in Chemioterapia Antitumorale, 3 CFU)
Dipartimento di Scienze del Farmaco
mayra.paolillo@unipv.it, marialaura.amadio@unipv.it

Modulo Anticorpi Monoclonali. Elementi di base del funzionamento del sistema immunitario, meccanismi della risposta anticorpale, meccanismo d’azione di un anticorpo. Metodologia di produzione di un anticorpo monoclonale. Evoluzione delle tecnologie dalla produzione di anticorpi di origine murina alla produzione di anticorpi umani. Esempi di anticorpi monoclonali terapeutici. Bersagli, efficacia clinica, considerazioni farmacocinetiche e farmacodinamiche.
Modulo Nuovi Farmaci in Chemioterapia Antitumorale. Lo sviluppo di nuovi farmaci antitumorali efficaci implica la conoscenza e l'integrazione di aspetti di farmacologia molecolare, cellulare e di organo che permettano di identificare i bersagli adeguati, cioè la molecola o il percorso di segnalazione rilevanti per la patogenesi dei tumori o di un certo tipo di tumore. Biologia dei tumori e sviluppo preclinico di farmaci antitumorali; proteino chinasi, recettori di membrana e sistemi di trasduzione di segnali; chinasi non recettoriali e chinasi associate al ciclo cellulare; target trascrizionali e nucleari; apoptosi e terapie antitumorali; disegni di studi per farmaci a target molecolare; esempi pratici di studi clinici con nuovi farmaci; farmaci antiangiogenici e sviluppo di terapie cliniche.


ELEMENTI DI TECNOLOGIA FARMACEUTICA


6 CFU - cod. 504265 - III anno - I sem.
Laura Catenacci
Dipartimento di Scienze del Farmaco
laura.catenacci@unipv.it

Classificazione delle forme farmaceutiche e vie di somministrazione. Principi di biofarmaceutica e farmacocinetica. Biodisponibilità e bioequivalenza.
Forme farmaceutiche solide convenzionali. Caratterizzazione delle polveri farmaceutiche. Macinazione e miscelazione. Granulati e granulazione. Capsule, compresse e suppositori.
Forme farmaceutiche liquide convenzionali. Soluzioni, sistemi dispersi: emulsioni e sospensioni. Preparazioni parenterali. La sterilizzazione dei preparati iniettabili: generalità e principali parametri di sterilizzazione.
Forme farmaceutiche dermatologiche. Unguenti, creme, geli e paste. Accenni ai principi di reologia.
Forme farmaceutiche inalatorie e polmonari.
Forme farmaceutiche a rilascio modificato. Sistemi terapeutici tempo specifici e sito specifici. Meccanismi di controllo della velocità di liberazione: sistemi reservoir, sistemi matriciali, pompe osmotiche.

ENZIMOLOGIA GENERALE APPLICATA


6 CFU - cod. 501974 - III anno - II sem.
Maria Enrica Tira (modulo Enzimologia Generale, 3 CFU), Giampaolo Minetti (modulo Enzimologia Applicata, 3 CFU)
Dipartimento di Biologia e Biotecnologie "Lazzaro Spallanzani"
mariaenrica.tira@unipv.it, giampaolo.minetti@unipv.it

Modulo Enzimologia Generale. Rapporto struttura/funzione degli enzimi. Modello chiave-serratura e dell’adattamento indotto. Il sito attivo: studio con marcatura covalente e di affinità; doppia marcatura; quasi substrati; inibitori suicidi. Strategie catalitiche: catalisi per prossimità, orientamento, distorsione, covalente, acido-base specifica e generale. Struttura e meccanismo d’azione di lisozima, glutatione reduttasi, chimotripsina. Misura del legame con il substrato. Cinetica enzimatica secondo Michaelis - Menten: misura della velocità di reazione (Vo). Stato stazionario; legge della velocità, misura e significato dei valori di Km e Vmax; metodo di Lineweaver e Burk; cinetica dell’inibizione competitiva e non competitiva. Regolazione dell’attività: effetto del pH, temperatura, enzimi allosterici: modelli di simmetria e sequenziale; effetti omotropi ed eterotropi. Aspartato transcarbamilasi. Enzimi regolati covalentemente. Le serina proteasi della cascata coagulativa: trombina, struttura, meccanismo d’azione, meccanismi di attivazione ed inibizione. Isoenzimi.
Modulo Enzimologia Applicata. Cenni di enzimologia applicata all’industria alimentare: le fermentazioni nella produzione della birra e di prodotti caseari, uso degli enzimi immobilizzati nell’industria e in particolare nella produzione di alimenti. Parte della didattica frontale è sviluppata in laboratorio dove verranno richiamate le basi teoriche delle tecniche adottate. L’esperienza consiste nella purificazione di una proteina enzimatica a partire da un estratto cellulare grezzo e nella successiva caratterizzazione e valutazione del comportamento cinetico dell’enzima. Si tratterà di: soluzioni tampone per sistemi biologici e misurazione del pH; tecniche cromatografiche per la separazione di proteine; spettrofotometria; centrifugazione; elettroforesi di proteine; saggi di attività enzimatica; principi di quantificazione dei parametri cinetici di enzimi. Il presente modulo ha l’obiettivo di fornire allo studente le informazioni e le competenze necessarie per avvicinarsi allo studio degli enzimi e per comprendere a fondo le potenzialità della catalisi enzimatica nelle applicazioni mediche e industriali.


FARMACOLOGIA ED IMMUNOLOGIA


9 CFU - cod. 504118 - II anno - II sem. 
Ornella Pastoris1 (modulo Farmacologia - 6 CFU), Monica Savio2 (modulo Immunologia - 3 CFU)
1Dipartimento di Biologia e Biotecnologie “L. Spallanzani”, 2Dipartimento di Medicina Molecolare
ornella.pastoris@unipv.it, monica.savio@unipv.it

Modulo Farmacologia. Tossicologia. Introduzione alla tossicologia generale. Differenti tipi di tossicità e fattori che la influenzano. Relazione dose-risposta quantale. Dose giornaliera ammissibile. DL50, NOAEL e LOAEL. Definizione e stadi del processo di cancerogenesi. Studi di tossicità su animali da esperimento: test di tossicità acuta, subacuta, subcronica e cronica, test di tossicità dello sviluppo e della riproduzione, test di mutagenesi e cancerogenesi.
Farmacocinetica. Definizione e principali fattori che influenzano il passaggio di un farmaco attraverso le membrane biologiche. Le vie di somministrazione e fattori che le influenzano. Biodisponibilità ed effetto di primo passaggio epatico. Distribuzione del farmaco nell’organismo. Metabolismo del farmaco: reazioni di fase I e reazioni di fase II. Vie di eliminazione del farmaco dall’organismo. Esempi di interazioni tra farmaci.
Farmacodinamica. Definizione di farmaco, farmaci ad azione specifica ed aspecifica, recettore, potenza, efficacia. Le teorie recettoriali. Curve concentrazione-risposta. Agonisti ed antagonisti. I diversi tipi di antagonismo (competitivo, non competitivo, fisiologico e chimico). Le classi di recettori: recettori ionotropi, recettori accoppiati a proteine G, recettori associati a chinasi e recettori intracellulari. Per ciascuna classe verrà descritto il meccanismo molecolare d’azione e di desensibilizzazione con esempi di specifici recettori e di farmaci che li vanno ad attivare.
Modulo Immunologia. Introduzione al sistema immunitario, terminologia proprietà generali e componenti del sistema immunitario. La salvaguardia dell’integrità e dell’individualità dell’organismo: l’immunità innata e adattativa. L’immunità innata: prime difese contro le infezioni: la risposta infiammatoria.
Risposta infiammatoria: cellule dell’infiammazione e fagocitosi; risposta vascolare e essudato; risposta tessutale; tessuto di riparazione; mediatori chimici del processo infiammatorio.
Risposta immunitaria: caratteristiche della reazione immunitaria; antigeni e anticorpi; cellule dell’immunità e strutture linfoidi; immunità umorale e immunità ritardata (cellulo-mediata); la reazione antigene-anticorpo, reazioni di precipitazione, di agglutinazione e di lisi; trasfusioni sanguigne; la fissazione del complemento e la reazione di rilevazione.


FISICA SPERIMENTALE - CORSO A


6 CFU - cod. 500185 - I anno - II sem.
Francesca Ballarini
Dipartimento di Fisica
francesca.ballarini@unipv.it

Il corso mira a fornire allo studente una formazione di base nell’ambito della fisica classica con accenni alla fisica moderna e ad alcune applicazioni di biofisica, utili nell’apprendimento di altre discipline e alla comprensione dei fenomeni naturali oggetto di analisi; lo studente acquisirà la capacità di descrivere tali fenomeni con la terminologia e gli strumenti matematici più appropriati.
Contenuti. Grandezze fisiche e sistemi di unità di misura, vettori, moti in una e in più dimensioni, quantità di moto, leggi di Newton, legge di gravitazione universale, lavoro, energia e potenza, moto circolare, moto oscillatorio, moto ondulatorio, statica dei fluidi e cenni di dinamica dei fluidi, forze e campi elettrici, potenziale elettrico, capacità elettrica, corrente elettrica e circuiti a corrente continua ed alternata, campo magnetico, fornza di Lorentz, induzione magnetica, onde elettromagnetiche, cenni di termologia e termodinamica, cenni di acustica, ottica ondulatoria e geometrica, cenni di fisica delle radiazioni ionizzanti e dei loro effetti biologici.
Esercitazioni pratiche: sono previsti un progetto di tutorato, per la risoluzione guidata di semplici problemi di fisica, e l’esecuzione di alcune esperienze di laboratorio seguite dalla relativa elaborazione dei dati misurati. 


FISICA SPERIMENTALE - CORSO B


6 CFU - cod. 500185 - I anno - II sem.
Silvia Bortolussi
Dipartimento di Fisica
silvia.bortolussi@unipv.it

Il corso ha l'obiettivo principale di fornire allo studente una formazione di base nell’ambito della fisica classica con accenni alla fisica moderna e ad alcune applicazioni di biofisica. Lo studente alla fine del corso avra' acquisito la terminologia specifica per descrivere i fenomeni e un metodo rigoroso per spiegare i fondamenti della fisica.
Contenuti. Grandezze fisiche e sistemi di unità di misura, vettori, moti in una e più dimensioni, quantità di moto, leggi di Newton, legge di gravitazione universale, lavoro, energia e potenza, moto circolare, moto oscillatorio, moto ondulatorio, statica dei fluidi e cenni di dinamica dei fluidi, forze e campi elettrici, potenziale elettrico, capacità elettrica, corrente elettrica e circuiti a corrente continua ed alternata, campo magnetico, forza di Lorentz, induzione magnetica, onde elettromagnetiche, cenni di acustica, ottica ondulatoria e geometrica, cenni di fisica delle radiazioni ionizzanti e dei loro effetti biologici.
Esercitazioni pratiche. Parte integrante del corso sono le tre esperienze di laboratorio (dimostrazione della legge di Hooke, misura con microscopio ottico e verifica delle legge di Ohm), che prevedono la realizzazione degli esperimenti alla presenza di tutors e la preparazione delle relative relazioni con analisi dati.



GENETICA - CORSO A e B


9 CFU - cod. 500799 - I anno - II sem.
Luca Ferretti (Corso A), Antonio Torroni (Corso B)
Dipartimento di Biologia e Biotecnologie "Lazzaro Spallanzani"
luca.ferretti@unipv.it, antonio.torroni@unipv.it

Il programma è lo stesso per i Corsi A e B
Obiettivo del corso è il conseguimento di un adeguato livello di conoscenza delle modalità di trasmissione ed espressione dei caratteri ereditari a livello di cellule, individui e popolazioni. Conoscenza delle caratteristiche del materiale genetico e delle modalità con cui l’informazione genetica viene trasmessa ed espressa in procarioti ed eucarioti.
Parte 1. Gli esperimenti di Mendel. Probabilità. Test del χ2. “Dominanza” e “Recessività”. Mitosi e Meiosi. Teoria cromosomica dell’ereditarietà. Cromosomi sessuali e associazione con il sesso. Non-disgiunzione. Il cariotipo. Alberi genealogici. Inattivazione dell’X nei mammiferi. Mosaicismo. Associazione e Ricombinazione. Costruzione di mappe genetiche. Incrocio a tre punti. Distanze di mappa. Ricombinazione mitotica. Mappatura dei cromosomi umani. I cromosomi politenici. Le mutazioni cromosomiche. Le famiglie geniche. Variazione del numero di cromosomi: esempi di patologie umane. Monoploidia e poliploidia. Mutazioni geniche. La variabilità genetica. Genetica di Popolazioni. La legge di Hardy-Weinberg (H-W). Struttura genetica delle popolazioni.
Parte 2. Il materiale genetico: caratteristiche e proprietà. Il concetto di genoma. Replicazione. Gli RNA cellulari e il loro processamento. Trascrizione e funzione dei geni. Geni e vie metaboliche. Alterazione della funzione genica e patologie; esempi: Anemia Falciforme, Fibrosi Cistica. Colinearità tra gene, mRNA e catena polipeptidica. Il concetto di gene e la sua evoluzione. Codice genetico: decifrazione e caratteristiche. Sintesi proteica. Analisi genetica e mappaggio nei procarioti. Coniugazione. Trasduzione. Trasformazione. Tecniche base di analisi degli acidi nucleici e applicazioni nelle Biotecnologie: marcatori per l’analisi della variabilità genetica e per l’identificazione genetica.
Esercitazioni: Sono previste (per i corsi A e B insieme) esercitazioni pomeridiane su tematiche di genetica formale, molecolare e di popolazioni, utili a preparare lo studente al superamento degli esercizi previsti nella prova scritta.


GENETICA MEDICA


6 CFU - cod. 500195 - II anno - II sem.
Roberto Ciccone
Dipartimento di Medicina Molecolare
roberto.ciccone@unipv.it

Il corso si propone di fornire agli studenti le conoscenze di base relative alle cause biologiche delle malattie genetiche, le modalità con cui sono trasmesse e le metodiche di laboratorio generalmente utilizzate in genetica medica. Argomenti trattati: Modalità di trasmissione delle patologie genetiche; Trasmissione non mendeliana delle malattie genetiche; imprinting; anomalie cromosomiche, mutazioni puntiformi, mutazioni dinamiche; test genetici; indagini citogenetiche (cariotipo, FISH); Array-CGH; sindromi da microdelezione e microduplicazione; sequenziamento Sanger; Next generation Sequencing.


GENETICA MOLECOLARE


6 CFU - cod. 501555 - II anno - II sem.
Alessandra Albertini
Dipartimento di Biologia e Biotecnologie “L. Spallanzani”
alessandra.albertini@unipv.it

Obiettivo principale del corso è l'acquisizione della conoscenza degli strumenti fondamentali di analisi genetica dei processi biologici, delle tecniche di genetica molecolare, dei fondamenti della genomica e delle sue applicazioni, dell'origine molecolare della variabilità genetica, dei meccanismi di controllo della espressione dei geni, della genetica del differenziamento, del cancro e dello sviluppo. Gli studenti devono aver acquisito i contenuti dei Corsi di Genetica del I anno, e dei corsi di Biologia Molecolare e Microbiologia Generale e Medica del II anno.
Programma del corso: La genetica dei batteri e dei loro virus. La decifrazione del codice genetico e la traduzione. La mutazione e riparazione del DNA, la ricombinazione. Definizione del concetto di gene. Regolazione dell'espressione genica nei procarioti e nei loro virus. Il batteriofago lambda e la regolazione dell'espressione dei suoi geni. Il controllo dell'espressione genica durante il differenziamento nei batteri. La regolazione dell'espressione genica negli eucarioti. Gli elementi genetici trasponi bili negli eucarioti e nei procarioti. Le tecniche e le applicazioni della genetica molecolare. La genomica. Le basi genetiche del cancro. Il controllo genetico dello sviluppo animale.



ISTOLOGIA E FISIOLOGIA GENERALE


9 CFU - cod. 502952 - II anno - II sem.
Federica Riva1 (modulo Istologia, 3 CFU), Franco Tanzi2 (modulo Fisiologia Generale, 6 CFU)
1Dipartimento di Sanità Pubblica, Medicina Sperimentale e Forense, 2Dipartimento di Biologia e Biotecnologie "Lazzaro Spallanzani"
federica.riva01@unipv.it, franco.tanzi@unipv.it

Modulo Istologia. Al termine del corso lo studente dovrà conoscere:
- i metodi e gli strumenti dell’indagine morfologica (avendo compreso le basi di alcune procedure analitiche per determinare le caratteristiche funzionali di diversi componenti cellulari e subcellulari)
- la morfologia delle cellule e dei tessuti dell’organismo umano e la loro organizzazione strutturale ed ultrastrutturale
- il rapporto fra struttura e funzione delle cellule nei tessuti
- le popolazioni cellulari ed il loro differenziamento, le cellule staminali ed il loro comportamento, i meccanismi di rinnovamento dei singoli tessuti.
Contenuti. Metodiche e strumenti per l’indagine morfologica citologica ed istologica:
- Strumenti di indagine morfologica: microscopio ottico ed elettronico
- Preparazione del campione biologico: processi di fissazione, inclusione, taglio, colorazione
- Colorazioni istologiche di un “comune preparato istologico”; alcune colorazioni istochimiche ed immunoistochimiche
Citologia: richiami alle principali caratteristiche morfologiche della cellula eucariotica e descrizione morfo-funzionale delle principali componenti cellulari. Istologia: origine e natura dei tessuti; dalle cellule staminali al differenziamento cellulare. Definizione di tessuto, organo, apparato. Classificazione e descrizione delle caratteristiche morfofunzionali generali, peculiari dei tessuti epiteliali (in particolare, epiteli di rivestimento ed epiteli ghiandolari), trofoconnettivali (sangue, linfa, cartilagine, osso), muscolare (muscolo liscio, muscolo scheletrico, muscolo cardiaco), nervoso.
Modulo Fisiologia Generale. Trasporto delle molecole attraverso la membrana plasmatica. Il potenziale elettrochimico; trasporto transmembranale: la Na+/K+ ATPasi; la Ca2+ATPasi; trasporto del glucosio, degli aminoacidi, degli H+, dell'H2O; genesi del potenziale di membrana. I canali ionici: caratteristiche generali dei canali ionici; i canali ionici voltaggio-dipendenti; il potenziale d'azione della fibra nervosa.
Tecniche elettrofisiologiche e fluorimetriche. Il voltage clamp. Il patch clamp. Imaging con microscopia convenzionale e confocale. Esercitazioni di elettrofisiologia. Oscilloscopio, voltmetri, microelettrodi.
Trasduzione dei segnali. Recettori tirosina-chinasi e accoppiati a proteine G. Recettori-canali. Recettori per gli ormoni steroidei. Il Ca2+ come messaggero intracellulare.
Le sinapsi. Esocitosi presinaptica. Meccanismi postsinaptici. Contrazione della fibra muscolare scheletrica.
La funzione cardiaca. Il ciclo cardiaco. Il meccanismo di contrazione dei cardiociti. Controllo della frequenza e della forza di contrazione del cuore.
I vasi sanguigni. Controllo del flusso sanguigno. La cellula endoteliale. La cellula muscolare liscia. L'aterosclerosi.


LABORATORIO INTEGRATO DI BIOLOGIA SPERIMENTALE


9 CFU - cod. 502038 - III anno - I sem.
Silvia Buroni (modulo Microbiologia - 3 CFU), Solomon Nergadze (modulo Biologia Molecolare - 3 CFU), Franco Tanzi (modulo Fisiologia Generale - 3 CFU)
Dipartimento di Biologia e Biotecnologie "Lazzaro Spallanzani"
silvia.buroni@unipv.it, solomon.nergadze@unipv.it, franco.tanzi@unipv.it

Modulo Microbiologia. Lo scopo di questo modulo di laboratorio è quello di far apprendere agli studenti le tecniche di microbiologia di base, quali: allestimento e crescita di colture batteriche; tecniche di colorazione con osservazione al microscopio ottico; isolamento di microrganismi da campioni ambientali su terreni selettivi; identificazione batterica mediante test biochimici; valutazione dell’azione di agenti antimicrobici mediante diverse tecniche.
Modulo Biologia Molecolare. Il laboratorio offre agli studenti la possibilità di svolgere esercitazioni pratiche su metodiche di base della biologia molecolare:
Allestimento di colture di Escherichia coli in terreno liquido;
Estrazione di DNA genomico da cellule batteriche;
Digestione con enzimi di restrizione di DNA genomici e plasmidici;
Elettroforesi in gel di agarosio;
Costruzione di una mappa di restrizione;
Cristallizzazione di macromolecole biologiche;
Tecniche di diffusione di vapore e di mescolamento diretto.
Modulo Fisiologia Generale. Obiettivo del laboratorio è effettuare un esperimento di elettrofisiologia. Verrà fatta una introduzione alle misure elettriche e si procederà poi alla misurazione di un potenziale di membrana.



LABORATORIO INTEGRATO DI BIOTECNOLOGIE MEDICHE FARMACEUTICHE


9 CFU - cod. 504266 - III anno I sem.
Elisabetta Nucleo1 (Laboratorio di Microbiologia Medica - 3 CFU), Roberto Ciccone2 (Laboratorio di Genetica Medica - 3 CFU), Monica Savio2 (Laboratorio di Immunologia - 3 CFU)
1Dipartimento di Scienze Cliniche, Chirurgiche Diagnostiche e Pediatriche, 2Dipartimento di Medicina Molecolare
elisabetta.nucleo@unipv.it, roberto.ciccone@unipv.it, monica.savio@unipv.it

Laboratorio di Microbiologia Medica. Il modulo fornisce agli studenti la conoscenza dei principi della diagnostica microbiologica e del ruolo svolto dal laboratorio di microbiologia nel monitorare e prevenire il fenomeno dell’antibiotico resistenza.
Organizzazione: Seminari ed esercitazioni pratiche.
Seminari di Microbiologia: passato, presente e futuro della sterilizzazione e disinfezione.
Esercitazioni pratiche:  Preparazione terreni di coltura ed utilizzo dell’autoclave. Sottoisolamento da colonia batterica e da brodo coltura.
Colorazione di Gram ed osservazione dei vetrini al microscopio ottico, allestimento galleria API per identificazione biochimica-metabolica. Allestimento di antibiogramma secondo Kirby-Bauer e determinazione della Minima. Concentrazione Inibente mediante E-test. Lettura ed interpretazione dei risultati dei test di sensibilità effettuati. Allestimento di esperimento di conta batterica. Estrazione enzimatica. Test per l'identificazione delle carbapenemasi.
Laboratorio di Genetica Medica. Il modulo si propone di illustrare agli studenti le metodiche di base per l’analisi dei dati ottenuti attraverso le indagini di laboratorio utilizzate nell’ambito della genetica medica.
Il modulo prevede esercitazione pratiche di analisi e interpretazioni di dati ottenuti attraverso indagini eseguite su soggetti affetti da patologie genetiche. Argomenti trattati: Banche dati e database genomici. Genome browser. Correlazioni genotipo-fenotipo. Analisi di predizione.
Laboratorio di Immunologia. Il modulo si propone di fornire agli studenti la conoscenza dei principi base di immunologia applicata. Organizzazione: seminari in cui verranno descritti i principi base delle esercitazioni pratiche che verranno successivamente intraprese in laboratorio. Durante il laboratorio su modelli cellulari verranno effettuati: induzione di danno cellulare con agenti ossidanti; valutazione della vitalità cellulare; dosaggio delle proteine; Western blot; analisi densitometrica; analisi con citometria a flusso di proteine regolatrici del ciclo cellulare.


LINGUA INGLESE - CORSO A e B


3 CFU - cod. 500169 - I anno - II sem.
Annalisa Pocaterra
annalisa.pocaterra@unipv.it

Il corso si propone di fornire agli studenti gli strumenti necessari per l’uso dell’inglese nell’ambito della comunicazione scientifica. Nello specifico, il corso sarà volto allo sviluppo della competenza lessicale, grammaticale e comunicativa nella lingua straniera e mirerà a rendere gli studenti in grado di comprendere e analizzare brevi testi e saggi specialistici. Verranno affrontate le principali tematiche della grammatica inglese, in particolare in relazione all’inglese di uso specialistico in ambito scientifico. Le aree lessico-grammaticali oggetto di studio e approfondimento saranno: la struttura della frase inglese e le forme verbali tipiche del testo scientifico; la complessità nominale nel testo scientifico: formazione di parole e collocazioni tipiche; i modali nel testo scientifico e loro funzioni; la forma passiva; le frasi relative; i connettivi e i legami interfrasali; strumenti per l’analisi di brevi testi specialistici. Il corso sarà accompagnato da esercitazioni di attività didattica integrativa.


MATEMATICA - CORSO A e B


9 CFU - cod. 500173 - I anno - I sem.
Francesca Gardini (Corso A), Antonio Segatti (Corso B)
Dipartimento di Matematica ¨F. Casorati”
francesca.gardini@unipv.it, antonio.segatti@unipv.it

Obiettivi formativi: Apprendimento di conoscenze di base dell'analisi matematica; utilizzo degli strumenti teorici in contesti applicativi; uso di software matematico per la soluzione di alcuni problemi.
Dopo aver introdotto i concetti basilari di teoria degli insiemi e gli insiemi numerici costituiti da numeri naturali, interi, razionali, reali e complessi verranno trattati gli argomenti classici dell'analisi matematica: concetto di funzione, proprietà delle funzioni di una variabile reale, limiti di funzioni reali, funzioni continue, derivazione e proprietà delle funzioni derivabili, studio grafico di funzioni, integrazione, funzioni esponenziali e logaritmiche, rappresentazione di grafici in scala logaritmica. Saranno inoltre studiati semplici modelli di fenomeni biologici e chimici governati da equazioni differenziali ordinarie del primo ordine.


METODOLOGIA DIAGNOSTICA IN MICROBIOLOGIA CLINICA


6 CFU - cod. 502026 - III anno - II sem.
Elisabetta Nucleo (modulo Metodologia Diagnostica - 3 CFU), Francesca Zara (modulo Microbiologia Clinica - 3 CFU)
Dipartimento di Scienze Clinico-Chirurgiche, Diagnostiche e Pediatriche
elisabetta.nucleo@unipv.it, francesca.zara@unipv.it

Modulo Metodologia Diagnostica. Il modulo fornisce agli studenti la conoscenza dei principali test di sensibilità fenotipici e delle metodiche molecolari utilizzate nei laboratori di Microbiologia per la tipizzazione di batteri Gram-negativi e Gram-positivi.
Contenuti: Diagnostica microbiologica dell’antibiotico-resistenza. Impatto clinico dei meccanismi di antibiotico-resistenza. Epidemiologia e caratterizzazione delle ESβL (Extendet-Spectrum-b-Lactamases) emergenti nei patogeni nosocomiali Gram-negativi. ESBL di classe A, B, C e D. Metodi di Genotipizzazione Batterica. Antibiotici beta-lattamici, aminoglicosidi, macrolidi e fluorochinoloni. Antibiotici di nuova generazione. Sequenziamento genico. Analisi di sequenze ottenute in laboratorio. Infezioni nosocomiali.
Modulo Microbiologia Clinica. Il modulo si propone di fornire agli studenti gli strumenti conoscitivi e metodologici necessari per comprendere l’interazione ospite-patogeno, la diagnosi eziologica delle infezioni dei vari apparati e sistemi dell’organismo umano e le strategie terapeutiche e preventive.
Contenuti: Flora batterica del corpo umano in condizioni normali e patologiche. Interazioni ospite-patogeno.
Caratteristiche generali, agenti eziologici, meccanismi patogenetici, manifestazioni cliniche, diagnosi di laboratorio e trattamento delle: infezioni del Sistema Nervoso Centrale; infezioni dell’apparato respiratorio; infezioni dell’apparato gastroenterico; infezioni dell’apparato genitale; infezioni dell’apparato urinario; infezioni intravasali e cardiache.


METODOLOGIA DIAGNOSTICA MOLECOLARE


6 CFU - cod. 502027 - III anno - II sem.
Giovanni Palladini
Dipartimento di Medicina Molecolare
giovanni.palladini@unipv.it

Ruolo dei marcatori molecolari e proteomici di malattia e dei metodi per individuarli, valutarli e interpretarli in diverse patologie. Sono trattate le malattie cardiovascolari, le patologie renali, le discrasie plasmacellulari, le malattie ematologiche, le malattie oncologiche, le malattie infiammatorie.


MICROBIOLOGIA GENERALE E MEDICA


9 CFU - cod. 501944 - II anno - I sem.
Giovanna Riccardi1 (Modulo Microbiologia Generale, 6 CFU), Francesca Zara2 (Modulo Microbiologia Medica, 3 CFU)
1Dipartimento di Biologia e Biotecnologie "L. Spallanzani", 2Dipartimento di Scienze Clinico-Chirurgiche, Diagnostiche e Pediatriche
giovanna.riccardi@unipv.it, francesca.zara@unipv.it

Modulo 1 - Microbiologia Generale. La Microbiologia quale scienza di base e scienza applicata. Pietre miliari della microbiologia. Campi della microbiologia moderna. Il metodo scientifico. Cellula procariotica: struttura e funzione. Fototassi e chemiotassi. Differenze tra procarioti ed eucarioti. Tecniche per studiare i microrganismi: microscopia, colorazioni e terreni di coltura. Tecniche di sterilizzazione e sicurezza in laboratorio. Fattori che influenzano la crescita microbica. Misura della crescita. Colture continue. Produzione di energia da parte dei batteri: fermentazione, respirazione aerobica ed anaerobica, fotosintesi ossigenica ed anossigenica. Batteri fotoautotrofi, fotoeterotrofi, chemioautotrofi e chemioeterotrofi. Controllo dell’attività metabolica: feedback, regolazione trascrizionale (controllo positivo e controllo negativo), regolazione post-traduzionale. Origine della vita ed esperimento di S. Miller. Ultima ipotesi sull’origine della cellula eucariotica. Tassonomia e sistemi di classificazione. Gli Archaea. Principali gruppi di batteri. Antibiotici e meccanismi di resistenza. I batteriofagi e la trasduzione. Applicazione dei fagi in campo clinico.
Modulo 2 - Microbiologia Medica. Il modulo si propone fornire agli studenti le conoscenze per comprendere l’approccio metodologico nell’accertamento diagnostico delle malattie da infezione ed il ruolo dei diversi microrganismi in patologia umana.
Contenuti: Flora batterica del corpo umano. Interazione ospite-patogeno. Diagnostica batteriologica (microscopia, isolamento, identificazione, antibiogramma, test immunoenzimatici, metodi rapidi). Classificazione, azione patogena, patologie associate all’infezione, diagnosi di laboratorio di Stafilococchi, Streptococchi, Enterococchi, Micobatteri, Enterobatteri e bacilli Gram-negativi non fermentanti, Clamidie, Neisserie, Micoplasmi. Classificazione, composizione, struttura, replicazione dei virus animali. Patogenesi delle infezioni da virus (trasmissione dei virus, risposte difensive antivirali dell’ospite, interazione virus-cellula).  Diagnostica virologica: diagnosi diretta ed indiretta (principali metodiche; isolamento virale, metodi immunologici e rapidi). Farmaci antivirali. Prioni. Classificazione, meccanismi patogenetici, patologie associate all’infezione e diagnosi di laboratorio di: Herpesviridae, Virus responsabili di epatiti, Retroviridae, Togaviridae, Ortomixoviridae, Paramixoviridae. Funghi: caratteristiche generali. Diagnosi di laboratorio. Antimicotici.